UE, Borrell: ‘non riconosceremo le autorità emerse dal golpe in Niger’

borrell siria

“L’Unione europea non riconosce e non riconoscerà le autorità emerse dal golpe in Niger”. Lo fa sapere l’Alto rappresentante per la politica estera europea, Josep Borrell, che poi annuncia: “Oltre alla cessazione immediata del sostegno al bilancio, tutte le attività di cooperazione nel campo della sicurezza sono state sospese sine die con effetto immediato”. Poi, in vista della riunione di domani dedicata al Niger della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, Borrell anticipa che l’Ue “è pronta a sostenere le decisioni dell’Ecowas, compresa l’adozione di sanzioni”.

Il presidente Mohamed Bazoum “è stato eletto democraticamente – ricorda l’Alto rappresentante in una nota – E’ e rimane l’unico presidente legittimo del Niger. Deve essere rilasciato senza condizioni e senza indugio. L’Ue ritiene che i golpisti siano responsabili della sua sicurezza e di quella della sua famiglia”. Poi Borrell denuncia che “l’annuncio da parte dei golpisti della sospensione della Costituzione e dello scioglimento delle istituzioni democratiche indebolisce lo Stato e il popolo nigerino, di cui occorre preservare la pace, la stabilità e la sicurezza“.

“L’Ue ribadisce il suo chiaro appello per il pieno e immediato ripristino dell’ordine costituzionale e si associa pienamente alle dichiarazioni dell’Ecowas e dei suoi partner africani e internazionali a questo proposito. Questo fine settimana, in coordinamento con il presidente del Consiglio europeo, proseguirò i numerosi contatti già avviati per raggiungere questo risultato”, conclude.  ADNKRONOS

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K