Migranti pagavano 5 mila euro per rotta Tunisia-Sicilia, 18 arresti

(video italpress) Diciotto arresti della Polizia di Caltanissetta per immigrazione clandestina. I migranti pagavano in contanti in Tunisia prima della partenza per la Sicilia tra i 3 e i 5 mila euro. Il profitto per l’organizzazione criminale sarebbe stato tra i 30 e i 70 mila euro per ogni viaggio.

(ANSA) – CALTANISSETTA, 17 NOV – Imbarcazioni di scafisti sarebbero partite dal porto di Gela o dalle coste dell’Agrigentino per raggiungere la Tunisia e far immediato rientro con il “carico” di migranti.
E’ quanto emerso dall’operazione ‘Mare aperto’ della polizia di Caltanissetta che ha sgominato la banda eseguendo 18 misure cautelari per associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I destinatori del provvedimento sono undici tunisini e sette italiani. Il Gip ha disposto il carcere per 12 di loro e gli arresti domicialiari per gli altri sei .

Se ci fossero stati problemi, come un’avaria al motore, gli scafisti avrebbero potuto “sbarazzarsi dei migranti in alto mare”.
Era l’indicazione data dagli organizzatori agli scafisti che partivano dalla costa meridionale della Sicilia per prendere migranti in Tunisia e portarli nell’isola.
E’ quanto emerge da intercettazioni agli atti dell’inchiesta ‘Mare aperto’ della Procura di Caltanissetta su indagini della squadra mobile della Questura Nissena. (ANSA).

 

Articoli recenti