Commissario UE Reynders, sottratti 300 miliardi alla Banca centrale russa

commissario Ue alla giustizia Reynders

“Noi abbiamo chiesto alla Russia di applicare le regole internazionali: integrità territoriale, sovranità, altrimenti dobbiamo intervenire con delle sanzioni. E ve ne sono alcune che io, come commissario alla Giustizia devo applicare, per esempio il congelamento degli asset degli oligarchi. Abbiamo una task force ed è stato possibile congelare 14 miliardi di euro ad oggi degli oligarchi russi”. Lo ha detto il commissario Ue alla giustizia Reynders intervenendo al Forum Ambrosetti di Cernobbio.

300 miliardi congelati alla Banca centrale russa

“Con sei Stati membri – ha aggiunto – stiamo raggiungendo il 90% di questi, tra 1 e 3 miliardi per ogni stato membro. Abbiamo poi sollecitato altri stati a fare ancora di più, ci sono 4 Stati membri con meno di 1 miliardo congelato, in Italia sono meno di 300 milioni. Siamo arrivati a 30 miliardi del G7, e a oltre 300 miliardi alla Banca centrale russa, un impatto importante“.

“Un’altra questione – ha proseguito il Commissario – riguarda i crimini di guerra. Abbiamo iniziato delle indagini in Ucraina, 30mila indagini su diversi incidenti. In 14 stati membri, non in Italia, sono partite delle indagini internazionali sui crimini di guerra e ci sono anche investigazioni della Corte penale internazionale”. (askanews)

Condividi

 

Articoli recenti