Migranti, premier svedese: l’integrazione è fallita, regna la violenza

Svezia l’integrazione è fallita

di Guido da Landriano per scenarieconomici.it – L’incapacità della Svezia di integrare adeguatamente l’enorme numero  di migranti ha portato alla creazione di società parallele e alla violenza delle bande, secondo il primo ministro svedese di sinistra Magdalena Andersson.

La Andersson ha fatto i commenti all’indomani delle rivolte a livello nazionale da parte di bande di migranti nel fine settimana di Pasqua che hanno lasciato feriti un centinaio di agenti di polizia. Secondo il Primo Ministro, la Svezia ha completamente fallito nell’atteggiamento verso l’estremismo islamico e verso la destra radicale del paese. Peccato che a lanciare molotov e a scontrarsi con la Polizia non siano degli estremisti di destra….

La segregazione è andata così male che abbiamo società parallele in Svezia. Viviamo nello stesso paese, ma in realtà diverse“, ha affermato Andersson.

L’integrazione è fallita

L’integrazione è stata scarsa e, insieme, abbiamo vissuto un’intensa immigrazione. La nostra società era troppo debole, mentre i soldi per la polizia e i servizi sociali erano troppo pochi”, ha aggiunto. Come abbiamo evidenziato in precedenza, i media tedeschi hanno risposto alle violente rivolte in Svezia che hanno coinvolto principalmente migranti musulmani affermando che i disordini sono avvenuti a seguito di “manifestazioni di destra”.

Perfino i rifugiati ucraini hanno anche espresso il desiderio di evitare di essere inviati in Svezia, ritenendo che fosse troppo pericoloso, e loro vengono da un paese dove si spara e c’è la guerra.

Attualmente la Svezia è il secondo paese per pericolosità del crimine d’Europa, secondo solo alla Croazia. Eppure solo 20 anni fa era una delle isole più sicure. La gestione demagogica e fallimentare dei flussi migratori ha invertito completamente questa situazione e nessun governo ha mai avuto il coraggio di intervenire con politiche di sicurezza, il tutto per un pregiudizio ideologico a favore degli immigrati. Il risultato è sotto gli occhi…

Condividi