Speranza: bloccare il treno se un passeggero ha sintomi di Covid

speranza nessuno si salva da solo

Nelle grandi stazioni con gate di accesso ai binari (Milano Centrale, Firenze S.M.N., RomaTermini) “è preferibile che il controllo della certificazione verde sia svolto a terra, prima della salita sul mezzo. Qualora questo non fosse possibile, il controllo può essere effettuato dal personale insieme al controllo del biglietto di viaggio”.

Bloccare il treno se un passeggero ha sintomi di Covid

E’ quanto prevede la nuova ordinanza del ministero della Salute e del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità per il contenimento del Covid nei trasporti e della logistica. In caso di passeggeri che sui treni presentino sintomi riconducibili al Covid, la Polizia Ferroviaria e le Autorità sanitarie possono inoltre decidere di fermare il treno per procedere a un intervento. L’azienda dovrà poi sanificare il convoglio interessato prima di rimetterlo in esercizio.

Nella stessa ordinanza anche le indicazioni per il settore marittimo e portuale dove è necessario “evitare quanto più possibile i contatti tra il personale di terra e il personale di bordo” e comunque è raccomandata la distanza interpersonale di almeno un metro. Per il personale e i passeggeri è previsto l’obbligo della mascherina.  http://www.rainews.it/

Condividi