Sindacati e Associazioni Forze di Polizia contro il Green Pass

poliziotti non vaccinati

Roma, 8 nov. – “Siamo di nuovo alle solite. Dopo l’ultima conferenza stampa del ministro della Salute e del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19, sembra che non vi siano altre vie d’uscita che continuare sulla strada di provvedimenti che dimostrano la loro inadeguatezza a definire e rendere più certa la cosiddetta battaglia contro il Covid 19”.  “Una battaglia che si gioca su fronti che non solo dividono la popolazione in buoni e cattivi- si legge- ma che non offre risposte a dubbi e incertezze che ogni giorno maturano sempre di più negli italiani e negli operatori delle FORZE di POLIZIA .

Ferma restando la manifesta anticostituzionalità del cosiddetto Green pass e la SUA inutilità (venire affermato Pubblicamente Dagli Esperti) in termini di Strumento di Sicurezza dal contagio, perseverare in scelte unilaterali che non includono also visioni alternative rischia di rendere inefficace ogni Azione e, in termini di impegno delle stesse FORZE di POLIZIA , continuerebbe a dividere una comunità che oggi chiede di essere rassicurata sugli effetti della campagna di vaccinazione stante la ormai accertata breve efficacia delle somministrazioni delle dosi; una campagna, che al di là della ricerca di un discutibile record mondiale, forse richiederebbe una scelta diversa, capace di offerta diversità di cure. Ma non solo”.

“Le dichiarazioni di una necessità di replica di terze se non di ulteriori dosi- prosegue la nota- oltre a lasciare ancora più dubbi sulla profilassi, rischierà di mettere in campo un fronte del dissenso ancora più ampio che vedrebbe questa volta affluire nelle piazze, divieti o meno, vaccinati che non saranno quei disottoporsi a richiami ulteriori e che vedranno scadere la validità del Green Pass. Le sigle sindacali e associazioni qui rappresentate, in una riflessione unitaria, ritengono che si dovrebbero ristabilire condizioni democratiche che nel rispetto della Costituzione riaffermino non solo quanto previsto dall’art.32 della fondamentale, ma ripristinino tutte le libertà costituzionali compresse illegittimamente da norme che violano, sembra un paradosso, proprio quel principio di legalità cui tutti dovrebbero uniformarsi e cui ogni operatore di POLIZIA si uniforma”.

“Pensare di prorogare uno stato di emergenza oltre il limite consentito dalla legge che lo prevede (ricordiamo che è previsto solo in termini)di possibilità amministrative di gestione di un’emergenza e non di compressione di libertà costituzionali come di fatto avvenuto) significa aprire le porte a nuovi scontri sociali solo per affermare una possibilità che nasce da un gioco di cifre la cui confusione sembra trascinare il Paese in una sindrome da caccia all’untore. Una caccia che tra vax e no-vax non ha più alcun senso data la fragilità della presunta immunizzazione garantita nel tempo dalla profilassi proposta.

Le sigle qui firmatarie- concludono-intendono sottolineare come sia fondamentale giungere a una pacificazione sociale nell’immediato, ovvero aprire un tavolo diconfronto con coloro che con il loro pensiero divergente possono contribuire a realizzare una sintesi utile a contenere e definire in modo più responsabile e ragionevole una giusta campagna di prevenzione e conservazione dell’infezione. Una via nuova che libertàsca serenità e garanti diritto di ordine e sicurezza pubblica restituisca conciliando – senza più diritti surrettiziamente non conformi ai principi dell’ordinamento giuridico italiano – diritto costituzionali, quindi alla salute e alle cure”. (Com/Sor/ Dire) 11:59 08-11-21

Condividi