Paragona Draghi a Battisti, la garante dei detenuti sarà rimossa

paragona Draghi a Cesare Battisti

Ieri aveva pubblicato un post polemico sul suo profilo Facebook: in una foto – poi rimossa – la garante dei detenuti di Ivrea, Paola Perinetto, aveva accostato l’immagine del presidente Draghi a quella del detenuto Cesare Battisti, scrivendo: “Nella foto possiamo osservare un caso di estrema somiglianza. Uno è un criminale senza scrupoli. L’altro è Cesare Battisti”.

Il tutto dopo diversi giorni in cui la garante esprimeva le sue posizioni personali contro il governo e contro l’obbligo del green pass. Ora Il sindaco del Comune di Ivrea, Stefano Sertoli ha convocato una capigruppo urgente, e lunedì prossimo in consiglio comunale chiederà la rimozione della Perinetto dall’incarico.

Le reazioni al post della garante

“Sono esterrefatto che una persona con incarichi istituzionali possa lasciarsi andare a tale pensiero, ed a pubblicarlo sui social”, ha detto il sindaco. D’accordo con la rimozione anche il PD: “Le espressioni della Garante sono inaccettabili, non è più compatibile con la carica pubblica ricoperta”, conferma il capogruppo del partito democratico Maurizio Perinetti.

Sul post era intervenuto anche il deputato di Italia Viva, Ettore Rosato: “Inqualificabile, si avviino subito le procedure per rimuoverla dal suo incarico”.

Sulla stessa linea anche il SAPPE – il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria – che stigmatizza il post: “con tali preconcetti ideologici, come si può assolvere con serenità ed equilibrio la delicata funzione di garante dei diritti dei detenuti?”.

La difesa del Garante dei detenuti del Piemonte

“Quel post, che Paola Perinetto ha rimosso non appena gliel’ho segnalato, è indubbiamente un errore. Ma l’errore in cui è incorsa la collega non deve cancellare il lavoro effettuato in questi anni né far venir meno il rispetto della persona”. E’ quanto dichiara Bruno Mellano, garante dei detenuti per il Piemonte, in merito al caso della garante di Ivrea.

“Credo – aggiunge – sia doveroso dire che Paola Perinetto è una garante efficiente e disponibile, molto presente e assidua nel suo compito e che nella fase acuta della pandemia si è incaricata direttamente anche di surrogare il mondo del volontariato escluso dall’ingresso in carcere nel sostegno materiale ai ristretti. Proprio per questo giovedì 14 ottobre, in previsione dell’entrata in vigore delle norme sul Green pass, la Garante di Ivrea aveva salutato i detenuti con l’impegno di seguire da remoto le segnalazioni e i casi già presi in carico”.  http://www.rainews.it

Condividi