Confcommercio, molestie a segretaria. Sangalli ricattato, pagati 216mila euro

sangalli ricattato

Confcommercio, molestie alla segretaria: Sangalli ricattato. Una vicenda giudiziaria ha travolto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. Nel 2017 Giuseppe Guzzetti – si legge sul Corriere della Sera – allora presidente di Fondazione Cariplo, riceve una lettera anonima che riferisce di “atti boccaceschi” da parte di Carlo Sangalli, vice nella Fondazione. La lettera riguarda le presunte molestie riferite da Giovanna Venturini, segretaria di Sangalli in Confcommercio Milano, che adesso è imputata di estorsione ai danni del capo dei commercianti.

Guzzetti – prosegue il Corriere – è stato chiamato a testimoniare nel corso di un incidente probatorio e ha ricordato i colloqui avuti con Sangalli e le richieste ricevute.

Sangalli ricattato, richiesta di aiuto

“All’inizio lui negava, ma poi mi chiese aiuto. Mi disse che qualcosa c’era stato, ma che era la signora che lo provocava, che era una procace. Dopo qualche tempo mi ha detto di aver trovato una soluzione, vale a dire corrisponderle una somma in denaro e presentare le dimissioni da presidente di Confcommercio”. Il pagamento di 216 mila avvenne nel gennaio 2018 davanti ad un notaio, le dimissioni invece non ci furono.  affaritaliani.it

Condividi