Origine coronavirus, dati laboratorio di Wuhan nelle mani dell’intelligence Usa

virologa di wuhan laboratorio wuhan origine virus

Le agenzie di intelligence americane stanno scandagliando un gigantesco ‘catalogo di informazioni genetiche’ che, una volta decifrato, potrebbe fornire rivelazioni sulle origini del Coronavirus. A scriverne è la Cnn, precisando che tra i dati figurano i modelli genetici ricavati dai campioni del virus studiati nel laboratorio di Wuhan, guardato da molti come la possibile fonte iniziale della pandemia.

Non è chiaro, precisa l’emittente, come le agenzie di intelligence abbiano avuto accesso alle informazioni, anche se i sistemi utilizzati per processare questo tipo di dati – secondo le diverse fonti citate dalla Cnn – sono normalmente connessi a server remoti basati su cloud, il che lascia aperta la possibilità di infiltrazioni.

cina coronavirus laboratorio di Wuhan

Laboratorio di Wuhan, enorme quantità di dati

Trasformare questa enorme quantità di dati grezzi in informazioni utilizzabili presenta una serie di difficoltà, non da ultimo lo sfruttamento di una potenza di calcolo sufficiente per elaborare il tutto. Per fare ciò, le agenzie si affidano ai supercomputer dei National Labs del Dipartimento dell’Energia, un gruppo di 17 istituti di ricerca governativi d’élite.

C’è poi un problema di manodopera. Non solo le agenzie di intelligence hanno bisogno di scienziati governativi abbastanza abili da interpretare dati di sequenziamento genetico complessi – scienziati che siano peraltro in possesso della necessaria autorizzazione di sicurezza – ma devono anche parlare cinese mandarino.

“Naturalmente ci sono scienziati autorizzati dal punto di vista della sicurezza nazionale. Ma che parlino mandarino? Pochi. E non solo scienziati, ma anche specializzati nel settore. Si capisce subito come tutto questo diventi complicato”, spiega all’emittente una fonte a conoscenza dell’organizzazione dell’intelligence.

I funzionari coinvolti sperano che queste informazioni aiutino a rispondere alla domanda su come il virus sia passato dagli animali all’uomo. Sbloccare questo mistero è essenziale per determinare in definitiva se il Covid-19 sia fuoriuscito dal laboratorio di Wuhan o sia stato trasmesso agli esseri umani dagli animali in natura, spiegano diverse fonti alla CNN.

Gli inquirenti hanno cercato a lungo i dati genetici relativi ai campioni di virus studiati presso l’Istituto di virologia di Wuhan. Tali dati sono stati rimossi da Internet da funzionari cinesi nel settembre 2019 e da allora la Cina si è rifiutata di consegnare questo e altri elementi sui primi casi di Coronavirus all’Organizzazione mondiale della sanità e agli Stati Uniti, si legge. adnkronos

Condividi