18 interventi per diventare coreano: “Sono transrazziale, nato nel corpo sbagliato”

Oli London transrazziale

L’influencer Oli London, che si definisce transrazziale, si è sottoposto a 18 interventi chirurgici per completare la sua transizione in «coreano». Lo ha spiegato in un video pubblicato sui social in cui dice: «Finalmente sono coreano! Ho effettuato la transizione. Sono così felice di aver completato il mio cambiamento. Sono stato intrappolato per otto anni in un corpo che non era il mio».

L’obiettivo di Oli London era quello di assomigliare alla popstar coreana Jimin dei BTS. L’influencer ha fatto coming out come persona «non binaria e coreana». Una scelta che lo stesso Oli London ha definito «un po’ confusionaria», precisando di aver «lottato con problemi di identità» e che «essere transessuale è come essere transrazziale perché sei nato nel corpo sbagliato». (essere transrazziale significa decidere a quale etnia appartenere a seconda di come ci si ”sente”, ndr)

«Questa è la mia cultura adesso. Il mio aspetto riflette questa cultura. Alcuni non capiranno, ma per chi ha seguito il mio viaggio negli ultimi otto anni, in cui sono stato molto infelice, questa notizia non suona come una novità».

Oli London ha precisato che ora il suo nome è Jimin e che – in quanto non binario – bisogna riferirsi a lui con i pronomi they/them (intraducibili in italiano, ma spesso resi con un asterisco o il simbolo “schwa”). Fra gli interventi a cui si è sottoposto, che sarebbero costati oltre 170mila euro, troviamo plastica facciale, rimodellamento delle sopracciglia e modifica alla dentatura.  www.ilmattino.it

Condividi