Ricciardi: persone colte rifiutano il vaccino, intervenire sulla comunicazione

ricciardi

Negli ultimi mesi “ho deciso di parlare solo con il ministro Speranza per consigliare il Governo e scrivere su ‘Avvenire’ – ha detto Ricciardi – Non c’è possibilità di uscire dalla pandemia senza l’intervento dei governi e la collaborazione tra Stati. C’è chi ha gestito bene l’emergenza con lockdown tempestivi e il blocco della mobilità che impedisce al virus di muoversi perché è trasportato dalle persone. Un esempio virtuoso è stata la Nuova Zelanda, che ha ben fatto anche nella comunicazione alla popolazione. Il primo ministro era spesso in televisione a spiegare quello che stava accadendo”.

Lo ha affermato Walter Ricciardi, ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica e consigliere scientifico del ministro della Salute, protagonista di una lezione speciale del nuovo master in Comunicazione sanitaria dell’Università Cattolica, dal titolo ‘Comunicare la salute durante la pandemia. Verità, fake news ed etica dell’informazione’.

Persone colte rifiutano il vaccino

Per quanto riguarda l’immunizzazione, “c’è un 15-16% della popolazione che teme i vaccini ed esita nel farli. Non sono no-vax, che invece sono una percentuale irrisoria Quando è scoppiato il caso AstraZeneca ho ricevuto molte telefonate di persone di grande cultura e competenza nel loro settore, terrorizzate nel doversi sottoporre al vaccino. Questo ci fa capire quanto l’esitazione non sia soltanto delle persone meno istruite, ma anche di quelle più colte.

repubblica

Per affrontare questa esitazione si deve intervenire e la comunicazione dovrebbe essere agile, flessibile, provocatoria e ispirante per convincerli. Invece le pubbliche amministrazioni non la sanno fare”, afferma ancora.

“Se produci spot di pochi secondi, anche girati da un grande regista – aggiunge – hanno effetto zero. Io all’Istituto superiore di sanità ho provato a cambiare la comunicazione con un sito ‘ad hoc’, ma ho avuto grandi difficoltà. Oggi il sito dell’Iss ha 4 mila follower, troppo pochi“. adnkronos

informazione vaccino

Condividi