Riforme imposte dalla UE, Letta: “se Salvini dice no esca dal Governo”

letta riforme

“Abbiamo parlato una lingua comune, puntando sulle grandi questioni e abbiamo fatto un buon lavoro che rende evidente la differenza tra il campo qui rappresentato dalle parole di Salvini su Repubblica. Se quella è l’intenzione con la quale Salvini è al governo, per quanto ci riguarda credo che le strade debbano divergere al più presto”. Così il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenendo all’Assemblea di Articolo 1 a proposito delle dichiarazioni rilasciate dal segretario della Lega a Repubblica.

Le riforme le farà Draghi con chi le vuole

Per Salvini “non sarà questa maggioranza a riformare giustizia e fisco. La ministra Cartabia può avere le idee chiare, ma se se sei in Parlamento con Pd e M5s, per i quali chiunque passa lì accanto è un presunto colpevole, è dura”. Una dichiarazione commentata da Letta anche su Twitter: “Leggo che Salvini non vuole che questo governo faccia le riforme della giustizia e del fisco. Mi chiedo su quale discorso programmatico abbia dato la sua fiducia a Draghi a febbraio. Lasci. E lasci che le riforme le faccia Draghi con chi le vuole” è il post del segretario dem.

bisogna fare quelle riforme, ce le impone la UE

“Se Salvini dice quello- dice ancora Letta nel corso dell’Assemblea- non ha nemmeno chiarezza sul fatto che per avere credibilità sul Pnrr (prestito europeo) bisogna fare quelle riforme, dalla giustizia alla riforma fiscale che non si può eludere. Lo dico con la massima chiarezza possibile: questo governo è qui per fare le riforme e noi appoggiamo il governo convintamente”.

“Roberto Speranza continui a lavorare con lo stesso spirito e la stessa determinazione calma. Oggi si riapre in sicurezza perché c’è stato chi ha garantito che non ci fossero state scelte sbracate, quando invece qualcuno voleva solo sbracare. Oggi riapriamo in modo irreversibile perché c’è stata prudenza” afferma, riferendosi sempre a Salvini. www.rainews.it

Condividi