Germania, gruppi anti-lockdown nel mirino dei Servizi Segreti

Servizi Segreti anti-lockdown

C’è apprensione in Germania sulle azioni dei gruppi anti-lockdown che protestano ormai regolarmente il loro antagonismo alle misure di prevenzione imposte dal Governo. Nelle ultime ore, anche il servizio di intelligence dell’Ufficio tedesco per la protezione della Costituzione si è visto costretto a mettere sotto sorveglianza parte del movimento anti-restrizioni, che (secondo la narrazione ufficiale, ndr) affonda le sue radici in teorie del complotto.

Ad allarmare le forze dell’ordine, a quanto riferisce la testata Tagesspiegel, è la “lista della morte” che mette nel mirino i politici che hanno votato a favore delle ultime misure di distanziamento sociale. La lista, scrivono i giornalisti tedeschi, sta circolando su alcuni canali Telegram nei quali fioccano le minacce di morte rivolte ai deputati del Bundestag, il Parlamento federale.

La scorsa settimana i deputati tedeschi hanno approvato un testo per irrobustire le misure volte a prevenire i contagi. Nel tentativo di piegare la curva della terza ondata di Covid, i parlamentari hanno dato il via libera all’inasprimento del coprifuoco, alle restrizioni per i negozi non alimentari e al limite di contatti all’interno degli spazi chiusi. Decisioni che hanno incontrato le dure critiche della galassia di gruppi anti-lockdown, poi sfociate nelle minacce di morte nei confronti di chi accusa la maggioranza parlamentare di aver messo in piedi una “dittatura sanitaria”.

L’allarme su questi anti-lockdown è stato lanciato dalla polizia federale, scrive il quotidiano berlinese, che ha diramato una nota a tutti i gruppi parlamentari sulla presenza del documento sul Web. Il titolo parla da sé: “Lista della morte dei politici tedeschi”. L’elenco include i risultati nominali della votazione parlamentare.

I gruppi anti-lockdown che reclamano la libertà ‘mettono in pericolo la democrazia’

Secondo il ministero dell’Interno, si tratta di “fenomeni, gruppi e individui” anti-lockdown che mettono in discussione i “principi costituzionali essenziali” e che per questo sono ora nel mirino delle autorità. “Il nostro ordine democratico di base, così come le istituzioni statali, sono stati oggetto di molteplici attacchi da quando sono partite le misure per contenere la pandemia Covid-19”, ha insistito il ministero.

La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza” (Orwell)

“Segnalate, per favore, immediatamente se doveste notare qualcosa di strano che capita a voi direttamente o nel vostro ambiente”, è stato l’appello del gruppo dei socialdemocratici al Parlamento tedesco rivolto ai propri deputati. Tra gli altri partiti nel mirino dei complottisti ci sono anche la Cdu di Angela Merkel e il partito associato bavarese, la Csu. Il resto dell’emiciclo ha votato contro le misure o si è astenuto. https://europa.today.it

Condividi

 

One thought on “Germania, gruppi anti-lockdown nel mirino dei Servizi Segreti

  1. Non vedo perchè il mestiere di politico debba esser scevro da rischi o incerti.

Comments are closed.