Libertà religiosa nel mondo, cristiani i più perseguitati

cristiani libertà religiosa

La libertà religiosa è violata in un Paese su tre nel mondo. Il dato allarmante è contenuto nel nuovo Rapporto di Aiuto alla Chiesa che soffre, fondazione di diritto Pontificio. ”Due terzi della popolazione mondiale vivono in Paesi in cui le violazioni della libertà religiosa avvengono in una forma o nell’altra, e i cristiani sono il gruppo maggiormente perseguitato.

È una situazione che si è consolidata nel corso dei secoli, passando da una radice di intolleranza alla discriminazione, fino ad arrivare alla persecuzione’, denuncia la XV edizione del Rapporto di Acs sulla libertà religiosa nel mondo. Il testo indaga sulle ”dinamiche persecutorie e discriminatorie’ sofferte nell’ultimo biennio (agosto 2018 – novembre 2020) dai credenti di ogni religione, in cui emerge che ”la libertà religiosa è violata in 62 Paesi del mondo su un totale di 196 (31,6%), dove vivono circa due terzi della popolazione mondiale. Il numero di persone che risiedono in questi Paesi sfiora, infatti, i 5,2 miliardi, poiché tra i peggiori trasgressori vi sono alcune delle nazioni più popolose del mondo come Cina, India, Pakistan, Bangladesh e Nigeria”.

Libertà religiosa e persecuzione

In 26 dei 62 Paesi la violazione ha le forme di una vera e propria persecuzione, nei restanti 36 si parla di discriminazione’. Il Rapporto elenca 24 Paesi ”sotto osservazione’ poiché nel biennio 2018-2020 sono emersi ”nuovi elementi che destano preoccupazione come crimini di odio con un pregiudizio religioso e atti di vandalismo’. Tutti gli altri Paesi non sono classificati nel Rapporto ”ma ciò non significa che in tali nazioni il diritto alla libertà religiosa sia pienamente rispettato’.

Le armi usate contro le minoranze religiose sono ”le violenze sessuali e crimini contro bambine, ragazze e donne, che vengono rapite, violentate e obbligate a cambiare la loro fede attraverso conversioni forzate, repressive tecnologie di sorveglianza che prendono sempre più di mira i gruppi di fedeli’. www.rainews.it

Condividi