Pipistrelli della Nigeria portatori di Coronavirus. Lo studio

Pipistrelli della Nigeria

Di Maria Luisa Asta – I tamponi fecali ricavati da oltre 300 pipistrelli, catturati nel biennio 2010-2011 nel nord della Nigeria, sono stati analizzati con polimerasi a trascrizione inversa per accertare la presenza di arenavirus, Coronavirus, paramyxovirus, reovirus, rhabdovirus e di virus influenzale. L’analisi filogenetica indica un’ampia gamma di rotavirus presenti in questi mammiferi della Nigeria, in alcuni con rotavirus umano e in altri con nuove specie.

In Nigeria, i pipistrelli sono comunemente consumati da vari gruppi etnici. Attualmente, solo pochi studi sugli agenti patogeni virali zoonotici nei pipistrelli sono stati documentati in Nigeria, ad esempio, i lyssavirus, un virus simile alla SARS-CoV in un pipistrello dal naso a foglia  a Zaria, Nigeria.

La stretta associazione dell’uomo e la frequente cattura e consumo di pipistrelli può rappresentare un pericolo per la salute pubblica.

Lo studio, pubblicato su The American Journal of tropical Medicine and hygiene, ha esaminato i virus a RNA con impatto sulla salute umana, come arenavirus, CoV, paramixovirus (PMV), rabdovirus, reovirus, rotavirus (RV) e virus influenzali nei pipistrelli di Plateau State, Nigeria.

Sangue, tamponi fecali e campioni di tessuto sono stati raccolti e conservati in azoto liquido sul campo e successivamente a -80 ° C. Successivamente, è stata eseguita la selezione casuale di una raccolta rappresentativa dei campioni di tampone fecale (n = 95) ei campioni sono stati spediti al CDC, negli Stati Uniti, per il test del virus.

Questo studio ha rilevato l’RNA virale di CoV (8,4%), PMV (1,1%), reovirus (1,1%) e RV (15,8%) nei pipistrelli della Nigeria.

Il Rhinolophus spp. è suggerito come serbatoio di virus simili a SARS-CoV. Sebbene virus simili a SARS-CoV siano stati rilevati principalmente nei pipistrelli insettivori di Hipposideros sp. e Chaerephon sp., solo pochi sono stati rilevati da pipistrelli di Rhinolophus sp. nonostante studi approfonditi in Africa.

Per i ricercatori è necessaria una sorveglianza estesa a specie di pipistrelli più ampie per comprendere l’associazione dell’ospite con il virus clade SARS-CoV e SARS-CoV, e l’evoluzione del virus simile a SARS-CoV nell’ospite di pipistrello.

La sorveglianza del rotavirus nell’uomo e negli animali è stata esplorata in Nigeria a causa dell’elevata mortalità infantile dovuta alla diarrea del ventricolo destro. Questo studio è il primo a documentare la presenza di virus nei pipistrelli della Nigeria che vivono in abitazioni umane e sono spesso consumati dalle persone a livello locale.

I ricercatori spiegano che –  la diversità e la presenza di virus rilevati in questo studio è un’indicazione del rischio che i pipistrelli possono avere nell’origine di varianti interspecie che possono causare focolai di malattie negli esseri umani e negli animali domestici e selvatici. Pertanto, continuare la sorveglianza globale dei virus nei pipistrelli e in altri animali selvatici per comprendere l’origine, l’adattamento e l’evoluzione dei virus dei pipistrelli è importante per prevenire e controllare future epidemie di malattie zoonotiche.

https://infermieristicamente.it

Condividi