Domenico Arcuri ha le ore contate?

Domenuci Arcuri

Il giornalista cattolico e saggista Maurizio Scandurra auspica la repentina rimozione di Domenico Arcuri, Commissario Straordinario per la pandemia.

Ore contate per Domenico Arcuri, responsabile dell’italica cattività d’Egitto al tempo del Covid? Parrebbe proprio di sì, a ben guardare e sperare. Sembrerebbe dai rumors circolanti che all’interno della neomaggioranza qualcuno propenda saggiamente per la sua rimozione. E sarebbe anche ora, visto il casino buffo che combinato nel Paese da un anno a questa parte.

Il Commissario Straordinario non s’ha da fare. O, quantomeno, non più. A casa! Che sia forse giunto il momento di cambiare direzione, marcia, passo? Forse che finalmente, a Dio piacendo, avvicinandosi marzo e il tempo del giardinaggio, come un’inaspettata cesoia qualcuno fra gli occupanti di palazzo potrebbe rispedirlo al mittente?

Da Domenico Arcuri ad Agostino Miozzo e Walter Ricciardi

E’ questo l’augurio auspicato di inizio settimana. Così non si può più andare avanti. Idem per Agostino Miozzo, Walter Ricciardi e tutta la pletora di superconsulenti che di super, oltre agli emolumenti da urlo percepiti, hanno altresì anche le stronzate che sparano e che affossano vita, economia, socialità e futuro.

L’ex banchiere della BCE ha le mani legate: deve stare attento, se non vuol fare la fine di Giuseppi. Complice anche la disfatta, la disgregazione in briciole di quel che resta di un movimento di imbranati, incapaci, inetti e arroccati alle poltrone che si chiama M5S.

Gli stessi che brandivano la sciabola dell’onestà, del buongoverno, degli interessi degli italiani, ricordate? Più simili a comici malriusciti, visto anche chi li ha fondati, tal Beppe Grillo, piuttosto che a politici provetti. Inabili in entrambi i casi, per quel che mi riguarda.

I quali vorrebbero ridurre l’Italia a un Paese in provetta inoculandoci, o meglio, inculandoci così tutti insieme, per via di idee scellerate e per nulla attuabili che hanno prodotto lo scempio ormai sotto gli occhi di tutti.

La disfatta evidente di una nazione che, solo grazie all’intervento del “Caos creativo”, come ha scritto saggiamente anche l’autorevole Professor Alessandro Meluzzi proprio sulle pagine di ImolaOggi.it, solo mediante l’intervento incontrollabile e imprevedibile della longa manus della Divina Provvidenza, potrà restituire ai popoli sovrani un mondo  libero, profondamente rinnovato nei capisaldi di una sana democrazia: che ritrova nei fondamenti del Cristianesimo la propria solida base anche per il futuro. Confidiamo nella Santa Vergine Maria.

Maurizio Scandurra

Domenico Arcuri, Miozzo e Ricciardi: la ‘santa trinità’ di Mario Draghi

Condividi