Armando Manocchia: Pandemonio Italia

Armando Manocchia

di Armando Manocchia – Quando in una società civile e democratica come la nostra, un Governo, il 5° incostituzionale, con a capo un personaggio mai eletto da nessuno, con la scusa di una falsa emergenza sanitaria e con ripetute violazioni di più Articoli calpesta la Costituzione, esautora il Parlamento e assume arbitrariamente PIENI POTERI che da Costituzione, vengono concessi solo dal Parlamento e soltanto in uno  “Stato di Guerra”, vuol dire che siamo di fronte ad un Governo eversivo che non soltanto instaura una emergenza democratica,ma un vero “Colpo di Stato”.

Quando è palese che questo sedicente Presidente risponde esclusivamente ad interessi di élites euro-mondialiste e, per restare al Governo, emana regolamenti che appaiono più regolamenti di conti contro i cittadini ed emette decreti incostituzionali come i DPCM, i quali non sono altro che metodi coercitivi, abusi e soprusi e violazioni delle libertà fondamentali e diritti sanciti dalla Costituzione; schiera decine e decine di migliaia di Carabinieri, Poliziotti e Agenti della Guardia di Finanza; aggiunge allo schieramento* altri 70mila militari dell’Esercito; è lapalissiano che questi DPCM non mirano affatto al contenimento di quella che non è altro che una psico-pandemia creata ad hoc con la complicità dei professionisti della mistificazione e della menzogna, foraggiata da finanziamenti leciti e illeciti, ma servono soltanto a creare confusione, caos.  Sono serviti a creare il pandemonio in cui ci troviamo, con l’obiettivo di modificare in maniera sostanziale il nostro modo di vivere, il nostro modello di vita: sociale, culturale, politico, economico, giuridico.

E questo accade perché questo presunto Presidente del Consiglio, non soltanto commette azioni costituzionalmente illegittime, giuridicamente illecite e moralmente riprovevoli, ma per rispondere alle élites sovranazionali, si rende responsabile di una serie di reati e di crimini contro noi Cittadini e contro la nostra economia.

Quando succede quel che in realtà sta accadendo, si dà vita a tutti gli effetti ad uno “Stato di Polizia”. Si attua di fatto un Colpo di Stato.

E se, di fronte a una situazione così grave, i Cittadini non manifestano nessuna reazione, se non si ribellano, com’è vero che, se non per qualche sparuta manifestazione a macchia di leopardo (un encomio va agli organizzatori di #NOPAURADAY che a Cesena vanno avanti a oltranza da 9 sabato consecutivi che li vede scendere in piazza per dissentire e stigmatizzare gli abusi e i soprusi di questo strapotere illegittimamente costituito) non hanno reagito uniti e compatti, avvalorando così la prassi del Silenzio-Assenso, nonché avvalorato la tesi che ben recita l’Inno Nazionale, e cioè che “siam calpesti e derisi perché non siam popolo, perché siam divisi” che quindi, non siamo un Popolo come spesso erroneamente ci definiamo e come recita la Costituzione: “la sovranità appartiene al Popolo”, e sarà probabilmente proprio per questo che non siamo più un Paese Sovrano, ma siamo soltanto una federazione di micro popoli, o peggio ancora, una popolazione di codardi, pavidi e inetti sudditi della UErmania.

Se aspettiamo che l’opposizione tuteli i diritti e gli interessi dei cittadini, dobbiamo attendere ancora perché questa presunta opposizione, se non è connivente, è collusa e se non è collusa è complice. Insomma, ormai anche i sassi sanno che in Parlamento fanno come i ladri di Pisa, di notte rubano insieme e di giorno fan finta di litigare. E il “popolo” di affetti da dabbenaggine sempre più fazioso anziché consapevole, sostiene ancora questa “oppofinzione” che ha detto e ripetuto, scritto e riscritto, che sarebbero favorevoli persino ad un Governo Draghi. Insomma, come passare dalla padella alla brace. Che Dio ci aiuti!

*schieramento di FF.OO e FF.AA, mai fatto, mai messo in atto nella storia della Repubblica per contrastare ad esempio, l’invasione islamista in Italia e/o per almeno tentare di debellare le mafie nazionali: ‘ndrangheta, mafia, camorra e sacra corona unita e tantomeno quelle ancora più criminali straniere di cui, per motivi di spazio, vi risparmio l’elenco e che in Italia oramai controllano non soltanto il territorio, ma anche l’economia e la politica.

Armando Manocchia

Condividi

 

One thought on “Armando Manocchia: Pandemonio Italia

  1. cosa dire ha ragione in tutto! io ho 83 anni e sinceramente non ho mai pensato di potermi trovare da anziano in questa situazione perche’ ci hanno gia’ portato via piu’ di un anno di vita. mi meraviglio che il popolo italiano acceti supinamente quanto sopra.
    grazie per l’informazione ed un cordiale saluto

Comments are closed.