Vissani e Scandurra contro tutti: “Conte vai a casa!”


di Radio Radio TV

Mai​ come in questi momenti si può notare la differenza tra palazzo e popolo. Se dall’alto del suo potere la politica è impegnata a risolvere una crisi​ di Governo​, in basso i cittadini devono fare i conti con le chiusure e la perdita del proprio lavoro.
Da ciò ne deriva un sentimento popolare pieno di sconforto e sfiducia nei confronti delle istituzioni, che emettono Dpcm​ e decreti​ e poi si rinchiudono nelle loro stanze cercando di preservare i posti di comando.

Un paradosso tutto italiano che hanno provato a interpretare lo chef Gianfranco Vissani​ e il giornalista cattolico Maurizio Scandurra​, ospiti di Francesco Vergovich.

Queste le loro considerazioni in diretta a “Un giorno speciale”.

Gianfranco Vissani​: “Gualtieri ride come se ci prendesse in giro a tutti”

“Quelli che cercano lavoro, non sono quelli che fanno lo smart working a casa. Quelli che fanno lo smartworking​ a casa non fanno un caz**. È difficile ricominciare da zero. Come ieri sera, da Floris c’era il ministro dell’Economia Gualtieri​ che rideva come se ci prendesse in giro a tutti.

Maurizio Scandurra​: “È facile parlare per chi ha contatti con una certa massoneria”

“Io credo che Monti​ rappresenti una forma di autopsia celebrale di se stesso, tanto nell’immagine quanto nei contenuti per nulla condivisibili. E’ facile parlare per qualcuno che mantiene contatti con una certa massoneria​ internazionale e trilaterale. E soprattutto di uno che non ha mai capito che cosa significhi rimboccarsi le maniche per poter lavorare e poter produrre.

Condividi