Cricca delle mascherine, intercettazioni: “Ho il numero di Arcuri, l’appalto sarà nostro”

“Io c’ho il numero di Arcuri…La gara la vinciamo noi”. Emerge anche questo dalle intercettazioni telefoniche e ambientali effettuate dalla Guardia di Finanza su ordine della Procura di Roma che sta indagando per traffico di influenze. L’articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano descrive una sorta di cricca che cercherebbe di fare affari sulle provvigioni di dispositivi medici, mascherine e test rapidi.

Le intercettazioni coinvolgono il trader ecuadoriano Jorge Solis, il titolare della Sunsky srl Andrea Tommasi, il banchiere sammarinese Daniele Guidi e il mediatore Mario Benotti. Come scrive il Fatto Quotidiano, per i magistrati le forniture sarebbero state “intermediate illecitamente da Benotti che ha concretamente sfruttato la personale conoscenza” del commissario Arcuri che non è, però, indagato. Con i milioni incassati dalle provvigioni, gli indagati avrebbero acquistato barche, Lamborghini, Rolex e altri beni di lusso. Secondo i loro legali si tratta solo di “sfizi di chi ha portato a termine l’affare della vita”

https://www.iltempo.it/politica/2021/01/09/news/intercettazioni-cricca-mascherine-indagini-guardia-finanza-provvigioni-traffico-influenze-procura-roma-25810500/

Condividi