Moldova, i rivoluzionari di strada sono saliti al potere

Irina Socolova

di Irina Socolova

Ci siamo seduti in silenzio, ed abbiamo fatto un po ‘di rumore.
Siamo abituati a considerare i paesi all’interno dei suoi confini geografici e nel loro insieme, il che, a mio avviso, ha portato alla concentrazione del management, delle risorse e delle persone al centro den Paese, lasciando tutto il resto alla periferia. Ma da dove nasce l’idea, il seme che dovrebbe ancora germogliare?  In quali condizioni dovrebbe svilupparsi, formarsi e quindi esistere?
Nel “Cuore del Cane” di Bulgakov vediamo i cambiamenti che vengono a  seguito di una rivoluzione. Dove le nuove regole vanno contro il buon senso.  Dove i rivoluzionari di strada sostituiscono i professori che hanno rivoluzionato il mondo scientifico. Dove il dominio umano sostituisce il dominio di Dio sulla terra.
 In Moldova, i rivoluzionari di strada sono saliti al potere oggi.  Quelli che sono abituati sempre a cambiare qualcosa, a distruggere, ma non a costruire.
 Le loro politiche mirano a evocare emozioni, non riflessioni e discussioni.
Oggi stanno iniziando a dettare le loro regole in un modo nuovo, nonostante un anno fa fossero già saliti al potere, e poi se ne fossero andati volontariamente, rendendosi conto che non si può costruire un’impresa su uno slogan “Lotta alla corruzione”
Partiti per l’opposizione, hanno iniziato a prepararsi con cura per le nuove elezioni, per mettere alla prova la loro forza in piazza. Per arrivare al potere bisognava scommettere sull’elettorato estero, che comprende metà della popolazione attiva Moldava, e tra questi la metà è nella Federazione Russa. Hanno raggiunto un accordo preliminare con il cosiddetto partito filorusso di Renato Usatii, Maia Sandu ha svolto metà della sua campagna elettorale in lingua russa. Promettendo di creare tutte le condizioni nel paese perché i russofoni siano alla pari con i moldavi.
Le sue priorità in compagnia elettorale erano la lotta alla corruzione e l’instaurazione di legami di politica estera, non solo con l’Europa, ma anche con Mosca. Diceva  che molte cose devono essere discusse con la Russia: l’ammissione di merci moldave nel mercato russo, la situazione in Transnistria e la presenza dell’esercito russo sulla riva sinistra del Dnestr.
Per vincere le elezioni presidenziali in Moldova è bastato aver raccolto i voti di tutti i partiti filoeuropei, e una parte del filo-russo Renato Usatii. Ma non basta per governare il paese, dal momento che la maggior parte delle persone è socializzata da tempo all’estero e non tornerà in Moldova. Ma per questo caso, Maia Sandu aveva un suo piano, ma già senza Renato Usatii, che non ha risorse nelle strutture statali, ma solo in una città nel nord della Moldova, la città di Balti, di cui è sindaco.
Il primo passo dopo le elezioni è quello di allontanare Renato Usatii, in modo che non interferisca con i suoi piani per il futuro, annunciando il ritiro delle forze di mantenimento della pace russe dal Dnestr, che si trovano sulla riva sinistra , mantenendo una vita tranquilla per i residenti di questa regione, che sono maggiormente cittadini della Federazione Russa. E ha iniziato a protestare contro le leggi adottate in Parlamento, anche sullo status della lingua russa, accusando il Parlamento di usurpazione del potere e chiedendone lo scioglimento immediato.
 E queste dichiarazioni del neoeletto Presidente sono bastate per radunare la gente in piazza ed adottare una nuova dichiarazione, dalla quale dipenderanno tutte le sue azioni successive. In piazza Maia Sandu non ha permesso a Renato Usaty di parlare dal podio, dimostrando finalmente che la sua voce era necessaria solo fino a quando non si fosse ottenuta la vittoria, e poi abbiamo altri piani.  Ma ha permesso ai leader dei partiti di parlare per l’unificazione della Moldova con la Romania, che metterà fine all’esistenza della Moldova stessa sulla mappa politica. Si sono espressi i “combattenti” della guerra trasnistriana, che hanno annunciato la continuazione della loro lotta e cacciano gli “occupanti” dal territorio.
Hanno dichiarato che avrebbero usato il loro diritto di sciogliere il Parlamento con tutte le loro forze, poiché hanno poteri dal popolo.  Tutte queste dichiarazioni, di conseguenza, sono state suggellate dalla dichiarazione adottata lo stesso giorno, dopo aver votato all’unanimità in piazza. Che ora ha permesso a Maia Sandu di andare all’inaugurazione del presidente con un nuovo programma.
Siamo bravi a parole, ma non molto bravi nelle azioni.

Socolova Irina, Segretario generale dell’Associazione Toscana Russia

Condividi