G20, Conte: “Serve nuova visione del mondo di domani”

“Ci impegniamo per il pieno successo della COP26, che sarà presieduta dal Regno Unito in collaborazione con l’Italia. In questo contesto, l’Italia ospiterà un evento innovativo, che consentirà ai giovani di tutto il mondo di scambiare opinioni, idee e persino critiche – si spera, in uno spirito costruttivo – con negoziatori e ministri presenti alla pre-COP. Abbiamo bisogno di una nuova visione per il mondo di domani, e non c’è dubbio che i giovani abbiano il diritto di dare un contributo decisivo a questo processo”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al G20.

“Dobbiamo sforzarci di trasformare in realtà la rapida attuazione dell’accordo di Parigi. L’Italia è fortemente impegnata a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Useremo questo obiettivo come motore e bussola per la nostra ripresa”, ha aggiunto i premier.

Per Conte, “le sfide che stiamo affrontando oggi sono tra le più urgenti del nostro tempo. La minaccia rappresentata dal cambiamento climatico, il degrado del suolo e il declino della biodiversità globale ci hanno già portato a un bivio che determinerà se siamo in grado di salvaguardare il nostro pianeta e costruire un futuro sostenibile“.

“Sono convinto che il G20 possa guidare il mondo nella giusta direzione. In qualità di Presidenza 2021, cercheremo di sottolineare il ruolo chiave di questo Forum nel consentire accordi ambiziosi e lungimiranti nel quadro delle tre Convenzioni di Rio su clima, biodiversità e desertificazione“, ha affermato.

“Gli impatti della pandemia sui nostri sistemi sociali ed economici non dovrebbero influire sulla nostra determinazione ad affrontare” le “sfide” per clima e ambiente. “Dovrebbero piuttosto spingerci a riconoscere – ha continuato il premier – che gli attuali sistemi economici, finanziari e produttivi non tengono adeguatamente conto dell’emergenza climatica e ambientale”. ADNKRONOS

Il tedesco Klaus Schwab: “Covid è occasione per un ‘reset’ mondiale”

Il tedesco Klaus Schwab: “Covid è occasione per un ‘reset’ mondiale”

Condividi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *