Gentiloni (Pd): “c’è margine per aumentare le imposte patrimoniali”

di Viola Longo – – C’è la Nota di aggiornamento al Def, che secondo gli esperti ne aumenta il rischio. E ora c’è anche la conferma da Bruxelles, da dove arriva la poco confortante spiegazione che “ci sono i margini”. La patrimoniale esce via via dall’ombra e prende sempre di più la forma di un macigno che sta per essere scagliato contro gli italiani. Dal Pd, che non smette mai di sognarla.

La micidiale combo Gualtieri-Gentiloni – – Mentre in Italia, infatti il ministro Pd Roberto Gualtieri è alle prese con una Nadef che aumenta il rischio di patrimoniale, a Bruxelles il commissario Ue per l’Economia, il Pd Paolo Gentiloni, fa sapere che “vi è margine per aumentare il gettito delle imposte patrimoniali ricorrenti”. A denunciare su quest’ultima tegola è stata Confedilizia, commentando la risposta del commissario Ue a un’interrogazione della Lega sul tema.

“È disarmante continuare a leggere, nei documenti della Commissione europea, l’invito all’Italia ad aumentare la già spropositata tassazione patrimoniale sugli immobili (l’Imu pesa per 22 miliardi di euro l’anno, 13 in più della vecchia Ici)”, ha detto il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, parlando della risposta di Gentiloni alla Lega. “Ma la storia è vecchia”, ha sottolineato ancora Spaziani Testa.

Confedilizia: “Le famiglie non reggono altre tasse” – “Il documento richiamato nella risposta – ha spiegato il presidente di Confedilizia – afferma testualmente, riferendosi al nostro Paese: ‘Vi è margine per aumentare il gettito delle imposte patrimoniali ricorrenti‘. Dipende dai punti di vista, verrebbe da rispondere: di ‘margine’ per pagare altre tasse le famiglie italiane non ne hanno di certo. A maggior ragione – ha avvertito Spaziani Testa – ora che la pandemia ha eliminato gli ultimi miraggi di redditività dei loro immobili”.  secoloditalia.it

Condividi