Stefano Montanari: ecco che cosa è successo ieri sera a Rete4

“Mettiamola così: è stato un esperimento. Non senza discussioni con il gruppetto che collabora con me e non senza molta riluttanza ho accettato di concedere un’intervista all’emittente televisiva Rete 4.
Molto in breve: una tale che si è qualificata come giornalista è arrivata in compagnia di due tecnici nel mio laboratorio e mi ha intervistato per un po’ più di un’ora e mezza.
Malauguratamente si trattava di una giovane priva delle nozioni più elementari di medicina, di biologia, di farmacologia e, insomma, di tutto il bagaglio culturale di minima indispensabile per affrontare un tema come quello che mi aveva proposto. Ammetto di non aver provato la minima meraviglia, stante il fatto che il livello dei personaggi che fanno “informazione” è quasi di regola quello.

La mia illusione o, almeno, il nocciolo di quello che ho chiamato esperimento era vedere come si sarebbe comportato chi avrebbe allestito la trasmissione.
In quell’ora e mezza d’intervista io ho spiegato il perché le mascherine non solo non servono ma sono dannose, e l’ho fatto sulla base di risultati personali come una ricerca eseguita insieme con il CNR e come osservazioni nostre di microscopia elettronica, e di dati scientifici universalmente noti, a partire dall’ipercapnia e dalla conseguente acidosi. Ho spiegato il perché intubare i pazienti è un errore, e l’ho fatto essendomi occupato per una ventina d’anni, non sulla carta ma in prima linea, del problema della tromboembolia polmonare. Ho spiegato come l’inquinamento e l’ipervaccinazione abbiano contribuito ad innescare la patologia.

Ho fatto notare come i virologi abbiano evidentemente fallito nel loro compito, visto che il problema è stato affrontato da loro e i risultati sono quelli che loro stessi denunciano. Ho spiegato perché il lockdown abbassa le difese immunitarie, e l’ho fatto sulla base di quanto la medicina conosce da almeno 25 secoli. Ho fatto notare come cremare i cadaveri sia non solo un errore ma costituisca la distruzione di prove fondamentali, e ho riferito ciò che è accaduto tra noi e l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo che non ci ha consegnato i campioni delle autopsie perché noi le potessimo analizzare al microscopio elettronico.

Ho spiegato perché i vaccini non sono sperimentabili e quella che si spaccia per sperimentazione è qualcosa di estremamente parziale e scarsamente significativo. Ho poi consegnato una stampa di dati ufficiali (Istituto Superiore di Sanità) che dimostrano con chiarezza come i tamponi siano inattendibili, e la stampa di un articolo scientifico statunitense con i risultati di una ricerca che dimostra come la vaccinazione antinfluenzale aumenti, e non di poco, l’incidenza di patologie, l’ospedalizzazione e la mortalità.
Nulla di tutto questo è passato: un’ora di chiacchiere in cui ci si dava ragione l’un l’altro e la mia ora e mezza si è ridotta a pochi secondi in cui sono stati trasmessi brevissimi frammenti di frasi fuori di contesto, senza alcuna spiegazione e, dunque, incomprensibili, secondo una tecnica ben nota.

Naturalmente non è stato possibile sostenere alcun contraddittorio e tutto è filato secondo una sorta di pensiero unico in cui idee che potevano essere opinabili ed altre palesemente assurde erano accolte come verità su cui, per consenso comune dei partecipanti, era impossibile discutere e, dunque, non si discuteva.
Personaggi che non hanno al loro attivo una sola scoperta scientifica e che, per questo, con la scienza non possono avere a che fare (si veda la definizione data da Enrico Fermi) hanno ridacchiato di fronte a ciò che il programma aveva mostrato per quanto mi riguardava e uno di loro ha sbrigativamente definito il tutto come “fesserie”. Il filosofo di turno, poi, ha mostrato come per lui mezzo millennio di epistemologia sia trascorso invano, e il politico ha fornito l’ennesima spiegazione del perché ci sia molto da cambiare in quel campo.

Un esperimento, ho detto, e, come tutti gli esperimenti, anche questo è stato proficuo, dimostrando come sia ingenuamente inutile illudersi che il regime, tetragono e, in termini pratici, senza opposizione com’è, possa concedere spiragli. Un dato ulteriore che è stato possibile ricavare è stato il constatare quale sia il livello culturale, intellettuale e morale di chi viene definito scienziato e in quella veste venga accettato.
Come faccio ormai da anni, il mio invito ad un confronto pubblico secondo le regole della lealtà scientifica resta aperto, anche se so perfettamente che ora, come, del resto, è sempre stato, non verrà preso in considerazione.
Ognuno si faccia un’opinione.”

Stefano Montanari

Condividi

 

5 thoughts on “Stefano Montanari: ecco che cosa è successo ieri sera a Rete4

  1. Caro dottor Montanari sono qui per testimoniare tutta la mia stima per lei e sua moglie, quello che le è accaduto è orrendo e oltraggioso, messaggio che sottilmente dice… Qui comandiamo noi quindi la stupidità, il gioco prepotente ed isterico del potere dominante, lei purtroppo ha accettato questo esperimento come accadde a Valdo Vaccaro con le iene. Al potere piace fare gli scherzi scemi….. Loro possono permetterselo non hanno barlumi di lucidità. Ancora carte mescolate per confondere, ironizzare minimizzare le reali verità della vicenda. Finché i più continuano per passarsi il tempo a guardare quella roba. Mahh dottore le rinnovo la mia grande stima e fiducia aspettando tempi veramente migliori grazie per tutto

  2. Dot.Montanari..la seguo come posso e ne apprezzo la sincerita’..la pacatezza delle sue affermazioni che denotano preparazione..non come tanti virologhi che sono assurti come esperti aglo onori delle cronache. Che non sono convinti neanche di quello che ella dicono..ma incutono solo terrore ..

  3. Caro dottor Montanari, la seguo da anni ed ho molta stima di Lei e della dottoressa Gatti Sua moglie. Ma la cosa che più mi è occorsa e mi occorrerà sempre è la Sua maestosa tranquillità nel confronto con questi italopitechi sopravvissuti al pleistocene che si accontentano di un loro angoletto e la merendina garantita.

  4. Caro dr. Stefano Montanari,
    la seguo già dalle vicende del famoso microscopio ed ancor di più dall’inizio di questa folle epidemia, epidemia dell’imbecillità più del covid-19.

    La fiducia che ho sempre riposto in lei mi è stata confermata anche dalle precise dichiarazioni sul covid-19 già a fine gennaio e sempre state confermate a posteriori, nonostante l’ostracismo dei media nei suoi confronti.

    Per tali motivazioni mi sorprende e ne provo tristezza che lei sia caduto in questa trappola mediatica, ben conoscendo i collaudati sistemi di manipolazione delle interviste a lei noti.

    Personalmente sono quasi otto anni che non guardo il teleschermo proprio per la nausea che provavo per questi sistemi di manipolazione e per l’assoluta parzialità (un tenero eufemismo) dei giornalisti mainstream.

    Chi è interessato ad approfondire in modo serio argomenti scientifici nel web trova ciò che cerca, addirittura nel suo caso, dr. Montanari, non ho mai trovato interviste di durata inferiore all’ora e con domane intelligenti da parte dell’intervistatore.

    Con immutata stima,

    Roberto Bergamo

  5. la verità verrà a galla prima o poi,Dottor MONTANARI le mando un grandissimo abbraccio , la stima mia e di tutte quelle persone con intelligenza e coscienza e con lei

Comments are closed.