Di Maio: alleanza con Pd non in discussione, cadrebbe il governo

“Non siamo interessati al rimpasto di governo, anche perché significherebbe cambiare interlocutori per la terza volta in tre anni interlocutori nell’Unione Europea” nel pieno della discussione sul Recovery Fund. “Mettere in discussione l’alleanza con il Pd “significherebbe che il governo Conte cadrebbe. E invece sono d’accordo con Zingaretti: serve colpo d’ala, può volare”, ha aggiunto. Quanto alla soglia di sbarramento al 3%, “è una proposta sana” perché “evita il proliferare dei cespugli, dei partitini”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nel corso di ‘Che tempo che fa’ su RaiTre.

Quindi, rispondendo alla domanda se ritenga di poter tornare capo politico del movimento, ha spiegato: “Credo che bisogna andare oltre ogni forma di leadership singolare. Ha bisogno di mettere insieme persone che la pensano diversamente per trovare delle soluzioni comuni”. “Io credo di poter dare un contributo sostenendo il territorio, sentendo i problemi delle imprese, delle famiglie, dei commercianti. Vorrei dare un contributo sui temi concreti e non in un dibattito interno”, ha aggiunto.  adnkr

Condividi