Pil Italia cala del 12,8% nel secondo trimestre, peggio delle stime

Nel secondo trimestre del 2020 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito del 12,8% rispetto al trimestre precedente e del 17,7% nei confronti del secondo trimestre del 2019. La stima preliminare della variazione congiunturale del Pil, diffusa il 31 luglio 2020, era stata del -12,4% mentre quella tendenziale del -17,3%.

L’epidemia da Covid 19 brucerà nel 2020 116 miliardi di consumi con una media di 1.900 euro a testa. Lo calcola la Confcommercio: in una nota sottolinea che se a livello nazionale il calo dei consumi sarà del 10,9% rispetto al 2019 (per una perdita di 116 miliardi) il maggior calo percentuale si avrà nel Trentino (-16%) mentre il Molise registrerà un calo del 7,2%. il Nord è l’area più penalizzata (-11,7%).

Condividi