M5s, padre di Di Battista: venduti, badogliani del terzo millennio

“Non è più casa mia”. Vittorio Di Battista, storico attivista del M5s e soprattutto padre di Alessandro Di Battista, esprime su Facebook la rabbia per quanto accaduto venerdì scorso: la votazione sulla piattaforma Rousseau che di fatto ha seppellito il Movimento delle origini, superando due norme-chiave come il limite di due mandati e il divieto di fare alleanze elettorali.

In molti, dopo quella consultazione online, hanno indicato in Davide Casaleggio e Dibba i grandi sconfitti dall’asse Grillo-Di Maio e papà Vittorio sembra incarnare proprio la delusione del figlio. Prima con toni amari ma controllati (“Non è più casa mia, chi vuole faccia pulizia”) poi nel suo classico stile, un fiume in piena: “Cagasotto, venduti, traditori del caz***, badogliani del terzo millennio, panciafichisti ed approfittatori, fuori dai miei spazi”. Il riferimento non è solo a qualche commentatore sgradito, ma pure ai vertici di un Movimento che forse, tra qualche tempo, non sarà più quello di Di Battista Senior. Il figlio, chissà.  liberoquotidiano.it

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi