Scontri Mondragone, Bassetti: focolai coronavirus non devono essere rivelati

L’infettivologo Matteo Bassetti ieri sera ha criticato la gestione del focoalio di Mondragone a ”Effetto Notte” su Radio24: ”Non si può agire così con le informazioni sanitarie di ciascuno, soprattutto in caso di malattie infettive. Non si può rivelare a tutta l’Italia indirizzo e abitazione di chi è malato di Covid. Stiamo calpestando decenni di lotte per la legge sulla privacy. Immaginate cosa succederebbe se facessi scrivere sulla porta di un mio paziente ”malato di tubercolosi” o ”positivo all’Hiv”. Cosa farebbero i vicini?

Così si sviluppa una guerra contro gli untori, esattamente come è successo nel paese in provincia di Caserta. Bisogna trovare un modo per tutelare la privacy di chi si trova in un focolaio, trattarli come portatori di morte è assurdo, soprattutto ora che il virus non manda più così tante persone in ospedale. Del focolaio campano, infatti, quanti sono stati ricoverati? A quanto so, nessuno. Sono persone asintomatiche o con pochi sintomi che hanno ricevuto tamponi a tappeto e dunque sono risultate positive”.

Bassetti, con Alberto Zangrillo e altri colleghi medici, ha firmato un documento per esortare i media, i suoi colleghi e le autorità, a non terrorizzare più la popolazione sul tema virus. ”bisogna mantenere distanze e mascherine quando non si può, ma ora il virus non è più quello di tre mesi fa. Ci sono meno di 100 persone in terapia intensiva in tutto il paese, erano più di 4mila”.

www.dagospia.com

Mondragone, scontri in strada tra italiani e bulgari

A Mondragone il caos non si placa neanche con l’imminente arrivo di un centinaio di militari dell’esercito. In provincia di Caserta è stato necessario istituire una zona rossa per il nuovo focolaio scaturito da 49 positivi al coronavirus, quasi tutti appartenenti alla comunità bulgara che risiede nei palazzi ex Cirio. Da questa mattina un gruppo…

Mondragone, bulgari in fuga da zona rossa: arriva l’esercito

Mondragone – Nell’area dei palazzi Cirio, da lunedì ristretta in isolamento domiciliare per un focolaio di Covid-19, una cinquantina di bugari è uscita dalle rispettive abitazioni e s’è data a una fuga di massa. Sul posto sono intervenute decine di volanti dei carabinieri e della polizia in appoggio agli uomini impegnati nel controllo del cordone…

Mondragone: bulgari violano zona rossa e si riversano in strada

Sono arrivati intanto a quota 49 i casi di positività al Covid nel focolaio emerso nel complesso residenziale noto come Palazzi ex Cirio, a Mondragone, comune del litorale casertano. Si tratta in massima parte di cittadini bulgari residenti in quattro dei cinque palazzoni divenuti off limits da lunedì 22 giugno, dopo che è entrata in…

Condividi