Droga in chiesa, commento ironico di Salvini. Biancalani: valuto querela

“Siamo dispiaciuti per questo episodio che ha coinvolto un giovane accolto nella nostra chiesa. Diamo ospitalità a tante persone abbandonate dalle istituzioni. Sono cose da condannare che però possono capitare. Su Salvini meglio che non mi pronuncio, stendiamo velo pietoso. Valutiamo querele nei suoi confronti”.

Così all’Adnkronos don Massimo Biancalani dopo l’arresto del giovane nigeriano ospite nella sua chiesa (nel confessionale avrebbe nascosto eroina) e le parole del leader leghista Matteo Salvini che su Facebook aveva scritto: “Chissà se anche questo pusher era stato portato in piscina dal don“.

“Da quello che so nel confessionale è stato trovato un telefono, uno smartphone ed un sacchetto. Non so altro”, prosegue il sacerdote. “Per Salvini è la solita strumentalizzazione. E’ lui il principale responsabile di questa situazione perché con i suoi decreti ‘insicurezza’, di fatto, ha portato queste persone, che vivono in condizioni disastrose, a delinquere”. adnk

Condividi