“Dio non guarda le religioni”, Biancalani trasforma la parrocchia in moschea

“Ogni parola, ogni sentimento che esce da un cuore pulito giunge a Dio. Dio non guarda le religioni, le appartenenze, le confessioni, al suo cospetto conta solo un cuore libero e sincero.” Lo scrive il prete Biancalani su Facebook.

A dispetto delle chiese chiuse per l’emergenza coronavirus, fra i migranti che pregano non vi è alcun distanziamento, malgrado vi siano già stati alcuni casi di contagio.  Non ci risultano irruzioni dei carabinieri.

Condividi

 

One thought on ““Dio non guarda le religioni”, Biancalani trasforma la parrocchia in moschea

  1. Non basta essere prete per pensare di poter parlare in nome di Dio! Forse è il Dio di questo Biancaloni, che ne interpreta il pensiero come a lui piace. Cuori? Io conosco solo quello che batte i secondi e che in musica si origina come “tactus”, ritmo del muscolo cardiaco. Se poi ne vogliamo fare un simbolo, un metonimo che sta per “amore”, allora dobbiamo convenire che ci sono tante forme di amore quante sono le civiltà e i diversi sentire di ogni “cuore” che ne batte i ritmi!
    Questo Biancaloni evidentemente ritiene di avere un filo diretto con il suo divino cardiologo.
    Come è vero che la ragione non serve agli umani per stringersi la mano della comunicazione fraterna, ma bensì per soddisfare gli spiriti pungenti dei propri personali bisogni! Come dire: a ognuno la ragione del proprio Dio!!!!

Comments are closed.