Aggressione omofoba a Novara, nigeriano picchia connazionale

Condividi

 

Il Comitato Territoriale Arcigay Rainbow Vercelli-Valsesia segnala un increscioso episodio avvenuto a Novara che ha visto protagonista una loro iscritta. Lo riporta il giornale locale vercellioggi.it/AGGRESSIONE_OMOFOBA_A_NOVARA

Due giorni fa (19 dicembre), all’uscita della stazione di Novara, intorno alle ore 18, una nostra iscritta nigeriana è stata aggredita da un connazionale, tale Solomon. La ragazza, il cui soprannome è Jen, aveva conosciuto il suo aggressore in precedenza e fin da subito, in seguito ad alcune prime avances, aveva chiarito di non essere interessata alla compagnia di uomini e di essere lesbica.

All’uscita della stazione Jen ha cercato di evitare Solomon, che però l’ha seguita e per l’ennesima volta le ha insistentemente chiesto di uscire, non accettando un ulteriore rifiuto.

Solomon le ha indirizzato con rabbia frasi del tipo “nel nostro Paese queste cose non sono ammesse” ma Jen è stata nuovamente molto chiara rispondendo “ora sono in Italia, sono libera di fare ciò che mi fa stare bene”. A quel punto Solomon ha continuato ad insultarla, dicendole “sei una vergogna!”, per poi arrivare ad aggredirla colpendola al volto proseguendo con non finisce qui, nel nostro Paese uccidono le lesbiche e ti ucciderò.

Mentre Solomon la picchiava, un capannello di italiani che osservavano la scena non hanno mosso un dito, neanche per chiamare le forze dell’ordine.

Jen è riuscita a telefonare a Junior, un suo amico, collega di lavoro e nostro iscritto anche lui, il quale ha chiamato un’ambulanza.

Tre giorni di prognosi.

Ieri (20 dicembre) Jen si è recata in Questura per sporgere denuncia, spera che la giustizia faccia il suo corso, e che quella italiana funzioni meglio di quella in Nigeria.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -