Di Maio: “Basta alleanze con Pd, dall’inizio ero perplesso”

“Basta alleanze con il Pd”: lo afferma il ministro degli Esteri e capo politico di M5s, Luigi Di Maio, in un’intervista al Corriere della Sera all’indomani del deludente risultati del voto regionale in Umbria e nonostante il premier Giuseppe Conte abbia invitato a non assumere ora decisioni irrevocabili. “Non e’ un mistero che io fossi il piu’ perplesso su questa intesa” perche’ “noi siamo alternativi e non complementari ai partiti“, ha ricordato l’ex vicepremier.

“Tutte le analisi di voto dicono che la meta’ dei nostri elettori si e’ astenuta a causa della coalizione con il Pd”, ha aggiunto. “Quindi il tema c’e'”, ha aggiunto Di Maio, “poi penso che serva grande umilta’ nel ripartire. Dobbiamo azzerare le aspettative e affrontare le regionali come le comunali con lo spirito di chi vuole dare una opportunita’ ai cittadini di partecipare“.

“Non e’ un mistero che durante la formazione del governo io fossi abbastanza perplesso”, ha aggiunto il leader pentastellato, “l’approvazione del taglio dei parlamentari, del carcere per i grandi evasori, il decreto clima e il decreto che stabilizza gli insegnanti precari mi convincono che se stiamo facendo cose per gli italiani e’ giusto andare avanti. Sono del parere che si vince e si perde sempre insieme e mai come in questo momento il Movimento nelle sue varie parti e’ concorde sul restare al governo”.

www.affaritaliani.it

Condividi

 

Articoli recenti