Truffa accoglienza migranti: 18 misure cautelari, sequestrati 3 milioni di euro

I militari della Guardia di Finanza di Cassino unitamente agli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Stato del Commissariato di Cassino, nella mattinata hanno portato a termine una vasta operazione di servizio nel settore dell’accoglienza dei cittadini stranieri richiedenti asilo, che ha portato alla denuncia, a vario titolo, di n.25 persone per reati che vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di dipendenti pubblici o incaricati di un pubblico servizio, estorsione, truffa ai danni dello Stato e Enti Pubblici, frode in pubbliche forniture, abuso d’ufficio, malversazione ai danni dello Stato, emissione ed utilizzo di fatture false.

Come scrive il giornale locale cinquequotidiano.it, le indagini di polizia giudiziaria svolte su delega della Procura di Cassino, sotto la direzione del Procuratore Capo Dott. Luciano d’Emmanuele e del Sostituto Procuratore Dott. Alfredo Mattei, hanno coinvolto numerosi Comuni delle provincie di Frosinone, Caserta, Isernia, Latina e Rieti.

Nell’ambito delle indagini esperite, e’ stata acquisita copiosa documentazione contabile ed extracontabile che ha consentito di individuare numerosi comportamenti illeciti nella gestione dell’accoglienza dei rifugiati sia nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar) che in quello dei Centri di Accoglienza Straordinari (Cas) gestiti dagli uffici delle Prefetture. Sulla scorta della delega emessa dalla Procura di Cassino sono state qualificate le condotte criminose poste in essere dagli indagati, quali l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e relative all’ottenimento di rimborsi non dovuti, frode nella fornitura di servizi ai rifugiati e richiesta di rimborso rette per rifugiati non piu’ presenti sul territorio nazionale, e individuati ulteriori soggetti ad essi collegati.
Cosi’ in un comunicato la Guardia di Finanza di Frosinone.

Diciotto misure cautelari, 25 indagati e sequestri patrimoniali per oltre 3 milioni di euro. Dalle prime informazioni sembrerebbe che sia in corso una maxi operazione denominata “Welcome to Italy” su disposizione del G.I.P. presso il Tribunale di Cassino in tre Regioni (Lazio, Campania e Molise) e cinque Province (Frosinone, Latina, Rieti, Caserta ed Isernia), nei confronti di imprenditori attivi nel settore dell’accoglienza ai migranti per truffa ai danni dello Stato.

Condividi

 

Articoli recenti