Mali: jihadisti uccidono 25 soldati, 60 i dispersi

Mali – Il governo ha comunicato in una nota che 25 soldati maliani sono stati uccisi e 60 sono dispersi dopo che sospetti jihadisti hanno attaccato due campi militari nel Mali centrale, lunedì.

Il bilancio è tra i più alti subiti  quest’anno dalle forze maliane che lottano per contenere gruppi militanti collegati ad al Qaeda o allo Stato islamico, i quali hanno avviato operazioni in alcune parti del Mali, da dove lanciano attacchi attraverso il Sahel. Le autorità hanno affermato in precedenza che erano state prese di mira le postazioni militari a Boulkessi e Mondoro, ma non hanno indicato il numero di vittime.

Tra i ranghi della FAMA (forze armate maliane) il bilancio provvisorio è di 25 morti, quattro feriti, … circa 60 dispersi e perdite di attrezzature pesanti“, ha detto il governo martedì. In risposta, l’esercito ha avviato un’operazione congiunta con le forze della vicina Burkina Faso, sostenuta da truppe francesi di stanza nella regione.

Il paese dell’Africa occidentale è in conflitto dal 2012 quando gli islamisti hanno dirottato una rivolta etnica da parte dei tuareg nel nord. Più recentemente la violenza si è spostata nel Mali centrale, dove quest’anno sono aumentati anche i combattimenti tra agricoltori locali e pastori.

I gruppi jihadisti hanno sfruttato le rivalità etniche in Mali e nei paesi vicini per aumentare il reclutamento islamisti e rendere ingovernabili aree di territorio.

Condividi

 

Articoli recenti