Generale Gebbia: fondi vittime della mafia vanno dati anche ai figli dei boss

PALERMO, 19 GEN – ”Le sorelle Napoli sono figlie di un uomo indicato come capomafia e sono indicate come vittime della mafia. I figli del boss Provenzano, intercettati mentre erano nella loro cabina in una nave, si lamentavano della situazione in cui erano stati lasciati dal padre. Loro sono incensurati quindi anche a loro bisogna dare i fondi della Regione per i parenti di vittime della mafia”.

Lo ha detto il gen. dei carabinieri in pensione Nicolò Gebbia, assessore al comune di Mezzojuso (Pa) nella conferenza stampa a Palermo per illustrare ciò che ha fatto il Comune nei confronti delle sorelle Irene Anna e Gioacchina Napoli che hanno denunciato intimidazioni e minacce mafiose per cedere la loro azienda agricola. ANSA

Condividi