Parlamento UE: Romania, Bulgaria e Croazia al più presto in Schengen

BRUXELLES – Romania e Bulgaria possiedono i requisiti per entrare “a pieno titolo” nell’area di libera circolazione di Schengen e dovrebbero esservi ammesse “al più presto”, con una decisione univoca che riguardi tutte le frontiere, sia quelle terrestri sia quelle aeree e marittime. Lo chiedono a larga maggioranza gli eurodeputati della commissione Giustizia del Parlamento europeo in una risoluzione approvata con 36 voti a favore, 4 contrari e un’astensione.

Il permanere dei controlli alle frontiere dei due Paesi dell’Europa orientale “ha comportato conseguenze negative per tutta l’Ue”, sostengono gli eurodeputati, che respingono “le prospettive di un’adesione parziale alle frontiere aeree e marittime prima, e in seguito, alle frontiere terrestri”. “Questo approccio ‘a due fasi’ creerebbe un pericoloso precedente” che “manca di giustificazioni giuridicamente valide”, evidenzia il relatore del testo Sergei Stanishev (S&D).

Confine bosniaco-croato – Migliaia di migranti armati con coltelli pronti ad entrare in Europa

Gli eurodeputati chiedono poi che anche la Croazia sia ammessa a Schengen “non appena avrà soddisfatto i criteri richiesti”. Il Parlamento europeo aveva dato il via libera all’ingresso di Bulgaria e Romania nello spazio Schengen già nel giugno 2011, ribadendo a più riprese la propria posizione negli anni successivi. La risoluzione non legislativa sarà votata a Strasburgo durante la seduta plenaria dell’Eurocamera di dicembre. La decisione finale spetterà quindi ai ministri dell’Ue, chiamati ad esprimersi con voto unanime. ANSA EUROPA

Condividi