Vieta lo spot con modella in bikini, sindaco di Londra accusato di integralismo

 

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha vietato la pubblicità di un integratore proteico divenuta famosa per i cartelloni con una ragazza in bikini che da oltre un anno tappezzano stazioni e mezzi pubblici della città.

londra-proteinworld

La campagna di spot di “Proteine world”, per la verità, fa discutere non da oggi. Una modella in bikini giallo, chiede incalzante ai londinesi: “E il tuo fisico, è pronto per la spiaggia?”. Una pubblicità che si era attirata molte critiche, soprattutto da parte delle associazioni per i diritti delle donne e dalle sigle impegnate nella lotta ai disturbi dell’alimentazione.

Il neoeletto sindaco musulmano, “da padre di due ragazze adolescenti”, si è detto “estremamente preoccupato che questo tipo di réclame possa umiliare quelle persone, e in particolare le donne, facendole vergognare del proprio corpo. Era tempo di finirla.”

“Nessuno dovrebbe sentirsi sotto pressione – spiega Khan all’Independent – mentre viaggia sui mezzi pubblici, perché è circondato da aspettative irrealistiche sul proprio corpo. Voglio mandare un messaggio chiaro all’industria della pubblicità su questo tema.”

“Vuole imporre la sharia”

Quella che è una battaglia contro modelli di bellezza che a volte sono effettivamente irrealistici, rischia però di trasformarsi in un boomerang per Khan. Primo sindaco musulmano della capitale britannica, il successore di Boris Johnson si è già visto rivolgere le accuse di chi lo taccia di voler “mettere il burqa alle modelle in bikini”.

“Londra è già pronta per la sharia?”, si legge su Twitter. IL GIORNALE

 

Condividi

 

One thought on “Vieta lo spot con modella in bikini, sindaco di Londra accusato di integralismo

Comments are closed.