Assolto per frode fiscale, ma gli strozzini di Stato non demordono “Vogliono 11 milioni”

equitalia1

 

9 nov – Era stato assolto per frode fiscale nel 2001, dopo essere stato accusato di aver registrato fatture false. Ma ancora oggi, dopo 17 anni, Equitalia e Agenzia delle Entrate non demordono. Scrive il giornale

“Vogliono 11 milioni di euro”, racconta a Libero Pietro Pizzolato, ex importatore di birra della provincia di Treviso e oggi in pensione, “Sono soldi che, come utili, con la mia ditta avrei guadagnato in 40-50 anni. Sa che cosa mi hanno detto all’Agenzia delle Entrate? Che la colpa era di Equitalia. Mi sono sentito dire che prima avrei dovuto sborsare 11 milioni e che sono allora avrei potuto chiedere il rimborso”.

Renzi: stiamo facendo un lavoro certosino per spillare piu’ soldi ai contribuenti

Il ricorso in effetti l’uomo l’ha presentato a febbraio. Ma dopo 220 giorni in cui nessuno si è fatto sentire Equitalia è tornata all’attacco: “Si sono fatti vivi per chiedermi ancora soldi. E mi hanno comunicato che se volevo potevo presentare un nuovo ricorso, per chiedere come mai nessuno avesse risposto alla mia raccomandata”.

Condividi