Ospedali cattolici: lavoratori da 4 mesi senza stipedio, 6000 posti a rischio

2 dic – “Siamo entrati in sciopero della fame. Proseguiremo quest’altra forma di protesta fino a quando non ci verranno accreditati gli stipendi sui nostri conti. Un’equipe di medici e infermieri ci verrà a controllare ogni 12 ore. ”

Oggi è il quindicesimo  giorno che sono sul tetto.

Alemanno: chiederò al commissario per la Sanità del Lazio Enrico Bondi “lo sblocco immediato di 7 milioni di euro per dare risposte alle famiglie”.

“Sui problemi della sanita’ del Lazio e di Roma, e delle strutture private accreditate e convenzionate, da lunedi’ sara’ attivo un tavolo tecnico presso il gabinetto del ministro della Salute, affidato al direttore generale Giovanni Leonardi, che incontrera’ le sigle sindacali per avere un punto di confronto con il commissario Bondi che sara’ presente allo stesso tavolo”.

E’ quanto ha annunciato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, al termine dell’incontro sulla crisi di alcune strutture sanitarie della Capitale, avuto questa mattina con il ministro della Salute Renato Balduzzi.

Con Alemanno c’era anche il senatore Domenico Gramazio, vice presidente della Commissione Sanita’, il quale ha spiegato che al tavolo tecnico “di volta in volta si affronteranno i problemi, come quello dei seimila posti a rischio a Roma o quello del Gemelli che si puo’ risolvere. Su quest’ultimo punto, Alemanno ha precisato che “del Gemelli si parlera’ anche nell’incontro di oggi tra il ministro e il commissario Bondi”.
Quindi ha riferito che Balduzzi “sara’ attento sulla situazione del Lazio per garantire un confronto reale su tutte le questioni di crisi e sulle richieste che vengono dal mondo associativo e sindacale”. (AGI) .

Condividi