Monti: VOGLIO l’Italia in prima linea per integrazione politica dell’Europa

2 DIC – L’integrazione politica dell’Unione europea “E’ una battaglia appassionante, una battaglia nella quale io voglio che l’Italia sia in prima linea, lo stiamo diventando”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Monti, che ha risposto oggi alle domande dei giovani di Italia Camp, l’associazione che ha organizzato gli Stati generali del Centro-nord a Verona. “Spero che qualunque governo arrivi – ha detto Monti a proposito dell’integrazione politica dell’Europa – non veda un dettaglio architettonico della governance ma un punto assolutamente essenziale del modo di essere dell’Italia”.

“A me piace, e credo che a molti italiani nel fondo della nostra tradizione di pensiero, piaccia un‘integrazione politica dell’Europa – ha detto Monti – E’ una cosa talmente complessa che spesso più la si sbandiera e più si mettono in moto resistenze e meno si riesce ad arrivare all’obiettivo”.

Secondo il premier, “in questi tre anni di crisi nata dalla Grecia si è reagito, magari malamente, con insicurezze, però chiaramente nella direzione di più Europa politica”. “Il solo fatto – ha proseguito – che oggi ogni governo nazionale debba presentare il progetto di bilancio dello Stato per l’anno successivo prima a Bruxelle, per un vaglio tra pari, e poi al proprio parlamento è segno di quanto stia andando avanti la visione dell’Europa unita2.

Monti ha poi ricordato lo “straordinario impegno” del governo nel convincere gli altri Paesi membri dell’Ue ad adottare lo scudo anti spread: “Ci siamo riusciti e adesso è potenzialmente operativo anche grazie alla Bce, anche se non l’abbiamo usato”. tmnews

Condividi