Monti: “nei sondaggi ho consensi superiori ai partiti”

11 nov – “Nessuno mi ha scelto, ma devo convincere tutti“; “non mi sento solo”, “coloro che sono stati presidenti del Consiglio prima di me non dovevano guadagnarsi tutti i giorni il consenso”, e ancora: “non farò più battute”. Sono parole di Mario Monti contenute nella lunga intervista-prefazione del volume “Le parole e i fatti” di cui il Corriere della Sera oggi pubblica ampi passaggi.

“Non credo possa considerarsi solo uno che, per quello che possono valere i sondaggi, sembra avere un consenso superiore a quello di cui godono i partiti che lo sostengono in Parlamento – spiega il premier – E quando incontro persone per la strada, mi sento dire quasi sempre: ‘Vada avanti!'”.

Riva del Garda – Proteste contro Monti, cariche della polizia

La pedagogia è naturale in un professore – aggiunge – è l’unica arma che ho. E ho un obbligo di spiegare maggiore di altri. In questo contano le ragioni soggettive: nessuno mi ha scelto, ma devo dire agli italiani che se sono qui è per far fare loro cose che non volevano fare e che tutti quelli che sono venuti prima hanno sostenuto si potessero evitare. In più sono questioni complicate, quindi cerco di spiegarle”. ansa

Condividi