Venezia, senegalese aggredisce barista e passanti

Venezia  – Aggredisce barista e passanti: finisce nuovamente in manette. Ha consumato diverse bibite all’interno di un bar di Riva degli Schiavoni, quando è giunto il momento di pagare ha cominciato ad aggredire il titolare e danneggiare l’intero locale. L’uomo, 30enne cittadino senegalese, era stato arrestato meno di 24 ore prima (e precedentemente denunciato) per una lunga serie di reati: aveva rotto il setto nasale a un passante, danneggiato le vetrine di un albergo, litigato col gestore di un ristorante, finendo poi per rapinare una tabaccheria del Lido. Ieri sera, ha creato nuovamente il panico, finendo in manette per l’ennesima volta. Questa volta i carabinieri lo hanno portato in carcere a Santa Maria Maggiore.

Aggressione e fuga – L’uomo, anche in questa circostanza, ha messo in atto lo stesso modus operandi. Ha aggredito il titolare del bar per non pagare quanto consumato, poi, nella fuga, ha colpito alcuni clienti e danneggiato tavoli e bicchieri. L’intervento di una motovedetta del nucleo natanti dei carabinieri, allertato dalla centrale operativa, ha permesso di mettere poco dopo fine alla sua fuga, arrestarlo e portarlo in caserma. Al termine delle formalità di rito, il senegalese è stato condotto in carcere, a disposizione del magistrato di turno. Il barista è stato invece accompagnato in ospedale per essere medicato.

Aggredisce barista e passanti: finisce nuovamente in manette – L’ultimo episodio in ordine di tempo, prima di questa aggressione, lo aveva visto protagonista, lunedì notte, di una rapina ai danni di una tabaccheria del Lido. Dopo essersi fatto consegnare diversi pacchetti di sigarette era fuggito, cercando di colpire il negoziante che aveva provato ad inseguirlo, anche in questo caso gettandogli addosso una sedia. Grazie all’intervento dei militari, l’uomo era stato bloccato e arrestato con il supporto della polizia locale.

www.veneziatoday.it

Condividi