Navalny è uscito dal coma indotto, ‘le sue condizioni migliorano’

L’oppositore russo Alexey Navalny è uscito dal coma indotto in cui si trovava all’ospedale La Charitè di Berlino dopo quello che, secondo le autorità tedesche, è un indubitabile tentativo di avvelenamento da Novichok. “Navalny è ora uscito dal coma indotto e sta venendo estubato dalla ventilazione meccanica”, dice il comunicato dell’ospedale, aggiungendo che le sue condizioni di salute “sono migliorate”. Il paziente, ricoverato il 2 agosto allo Charité di Berlino, “reagisce agli impulsi”, si legge anche nella nota. “Effetti di lungo periodo a causa dell’avvelenamento continuano a non poter essere esclusi”, aggiungono i medici dello Charité.

Nella nota dei sanitari si sottolinea che i medici hanno uno scambio stretto e costante con la moglie del dissidente russo, e che anche le informazioni sul suo stato di salute vengono divulgate con il consenso della consorte.

Donald Trump si e’ detto a favore dello stop al gasdotto russo-tedesco Nord Stream come risposta per (il presunto e mai provato, ndr) avvelenamento dell’oppositore russo Alexiei Navalni. “Sono a favore”, ha detto, ricordando di essere stato “il primo a sollevare la questione del Nord Stream: noi proteggiamo la Germania dalla Russia e Berlino paga milioni di dollari a Mosca per la sua energia”.  ANSA

Gas, le sanzioni alla Russia ci consegnano alla Turchia

Obama: con accordo di libero scambio gli Usa venderanno gas all’Europa

Obama: con accordo di libero scambio gli Usa venderanno gas all’Europa

Condividi

 

One thought on “Navalny è uscito dal coma indotto, ‘le sue condizioni migliorano’

  1. e a Noi? solo gli scemi credono alle scemeggiate contro la Russia. Noi siamo impotenti, non scemi.

Comments are closed.