Lapo Elkann: “carcere per chi va in giro col Covid”

“Chi aveva il covid e se n’è andato in giro, in un paese civile andrebbe in prigione. E’ un crimine”. Sono le parole di Lapo Elkann a Sky Tg24. “Il contagio è cresciuto nella fascia dei 20-40 anni, tra i giovani e tra coloro che non sono più tanto giovani. Vanno adottate misure più severe: se uno ha il covid e va in giro fregandosene, bisognerebbe fare una legge per mandarlo in prigione. Non si può fare una legge così dura, ma la realtà è che si mette in pericolo la vita degli altri e questo è un crimine”, afferma.

Fra le “perle” di Lapo troviamo anche: “Non mi piace usare la parola migranti, mi piace definirli nuovi italiani perché voglio ricordare che fino a qualche anno fa anche gli italiani andavano via ed erano dei migranti. Mi sembra una parola denigratoria, che non rispetta le persone”.

E ancora: “Non mi piace Salvini, non mi piace il suo comportamento sul tema dei migranti perché lo reputo dissolutivo e non costruttivo. Poi ognuno è libero di avere le proprie opinioni“. E sulle Ong, Elkann si dice “a favore, portano aiuto al prossimo. La realtà dei fatti è che ce n’è bisogno”.

 

 

Condividi

 

One thought on “Lapo Elkann: “carcere per chi va in giro col Covid”

  1. Preciso…. non comprero mai piu’ un’auto moderna, poi topo tali affermazioni di Elkann certo non comprero’mai piu’a maggior ragione una FCA…..

Comments are closed.