Australia, post contro il lockdown: mamma incinta ammanettata e arrestata

Di Byoblu – – È stata prelevata e arrestata davanti agli occhi increduli di suo marito e dei figli. Ammanettata e portata in carcere nonostante lo stato di gravidanza e un’ecografia da effettuare dopo poche ore. La protagonista di questo incubo è Zoe Lee, giovane madre che vive a Melbourne, in Australia.

“Istigazione a delinquere”, sarebbe il reato commesso dalla donna per aver pubblicato un post sul suo profilo Facebook con il quale invitava i suoi concittadini a partecipare a un corteo contro le nuove misure di lockdown imposte dal Governo. Per questo si è trovata alla porta della sua abitazione quattro poliziotti pronti a prelevarla.

In Australia, nello Stato di Victoria, dove si trova la città di Melbourne, il Premier Daniel Andrews ha dichiarato lo stato di calamità e ha stabilito un nuovo lockdown. I provvedimenti sono entrati in vigore lo scorso 2 agosto e prevedono anche il coprifuoco notturno, dalle 20 fino alle 5 del mattino, per gli abitanti di Melbourne.

La notizia viene riportata anche da SkyNews Australia. Il giornalista Alan Jones commenta incredulo le immagini dell’accaduto definendo l’arresto “Un disgustoso ed orribile esempio di poteri illimitati e ingiustificati dati alla polizia dal premier Andrews” e ha invitato quest’ultimo a dimettersi seduta stante, prima che ulteriori danni possano essere commessi.

Nel video, con tutta probabilità registrato dal marito di Zoe Lee, si vede l’arrivo della polizia che notifica il mandato di arresto. La donna appare dapprima incredula, poi scioccata e angosciata fino a scoppiare in un pianto, insistendo: “Sono incinta devo andare a fare un’ecografia tra poco. Non ho infranto nessuna legge promuovendo un corteo”.

Ma Zoe Lee sarebbe solo l’ultima di una serie di fermi della polizia effettuati nello Stato di Victoria negli ultimi giorni. La manifestazione sponsorizzata dalla donna non sarebbe stata autorizzata, per questo la polizia ha deciso di intervenire individuando uno ad uno tutti i possibili partecipanti.

Condividi