Mali, soldati dell’esercito si sono ammutinati

Soldati dell’esercito del Mali si sono ammutinati al di fuori della capitale Bamako, hanno riferito l’ambasciata norvegese e fonti della sicurezza. “L’ambasciata è stata informata di un ammutinamento delle Forze armate e truppe sono in marcia verso Bamako – ha scritto l’ambasciata nell’allerta ai cittadini norvegesi in Mali – i norvegesi devono esercitare cautela e preferibilmente restare nelle loro abitazioni fino a quando la situazione non sarà chiara”.

“Sì, si tratta di un ammutinamento. I militari hanno imbracciato le armi”, ha riferito la fonte militare. Un portavoce dell’esercito ha confermato che sono stati esplosi colpi di pistola nella base di Kati, vicino la capitale.

Più tardi una fonte della società che gestisce la sicurezza per una ong in Mali ha riferito all’agenzia Reuters che sono stati uditi spari vicino all’ufficio del primo ministro a Bamako. Secondo quanto riporta Journal du Mali, uomini armati hanno sequestrato questa mattina il ministro dell’Economia e delle Finanze del Mali, Abdoulaye Daffé. Daffé era stato nominato ministro il 27 luglio scorso.  ASKANEWS

Condividi