Nigeria, attacco contro cristiani: 11 morti e 7 feriti

Il 20 luglio, a Kaduna, in Nigeria, i militanti Fulani (nomadi musulmani, ndr) hanno ucciso undici cristiani. Il Reverendo Isaac Ango dell’Associazione Cristiana della Nigeria (CAN), ha detto che i militanti Fulani hanno attaccato un villaggio chiamato Gora Gan e hanno dato fuoco a dozzine di case intorno alle sette di sera.

Il Reverendo ha anche affermato che altri sette cristiani sono rimasti feriti durante l’attacco e sono ora ricoverati  presso il General Hospital di Zonkwa. Mancano molte altre persone. Questo recente attacco ha causato oltre 500 sfollati interni (IDP) che si sono rifugiati nel campo cittadino di Zonkwa. Ezekiel James, che fa parte dello staff del campo profughi, ha detto a Morning Star News (MSN): “Questi cristiani sfollati hanno un disperato bisogno di cibo e cure, sono traumatizzati”.

I militanti musulmani Fulani hanno ucciso più di 50 cristiani durante gli attacchi nel sud dello stato di Kaduna da quando il pastore principale dell’Evangelical Church Winning All (ECWA) è stato assassinato il 12 giugno 2020.

La Nigeria è al 12 ° posto nella World Watch List del 2020 di Open Doors, la lista dei paesi in cui i cristiani sono i più a rischio a causa della loro fede. Il Christian Solidarity International (CSI) ha emesso un avvertimento sul genocidio in Nigeria in risposta al crescente conflitto violento causato dai militanti islamici.

Fulani Militants Killed Eleven Christians in Nigeria

Condividi