Belgio: milioni di mascherine distrutte per fare posto ai migranti

Condividi

 

Decine di milioni di mascherine, che avrebbero potuto essere usate per combattere la pandemia di coronavirus (COVID-19) sono state distrutte in Belgio a partire dal 2015. Il motivo? C’era bisogno di più spazio per i migranti.

Maggie De Block, che è sia ministro degli Affari sociali che della salute, per l’asilo e la migrazione, ha riconosciuto che le maschere sono state effettivamente distrutte, ma ha affermato che ciò era dovuto al fatto che avevano già superato la data di scadenza e non erano più utilizzabili.



Ma Marc Caekebeke, un aiutante dell’esercito, afferma che ciò è solo parzialmente vero, secondo un rapporto di SCEPTR. Il motivo principale per cui sono state distrutte era quello di rendere disponibili più strutture per i migranti in arrivo.  “Non è corretto”, ha detto Caekebeke in risposta all’affermazione di De Block, secondo un rapporto di DeMorgen. “I magazzini erano asciutti e chiusi. Le scatole non sono state interessate. Lo stock era in ottime condizioni.”

Il virologo Marc Van Ranst ha riconosciuto che la data di scadenza sulle maschere era passata, ma ha spiegato che la data “si applica principalmente all’elastico. In effetti non avremmo più potuto usarle negli ospedali, ma sarebbero state molto utili per la polizia, tra gli altri, oggi.”

63 milioni di maschere sono state ordinate distrutte dalle autorità belghe tra il 2015 e il 2018.

voiceofeurope.com



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -