Migranti, Corte UE condanna Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca: hanno rifiutato ricollocamenti

Condividi

 

Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca hanno violato gli obblighi previsti dal diritto Ue, quando hanno rifiutato di partecipare al meccanismo di ricollocazione dei richiedenti asilo. Lo stabilisce la Corte di Giustizia dell’Ue, nella sentenza relativa alle cause che vedono la Commissione Europea opposta ai tre Stati membri.

Per i giudici di Lussemburgo, Praga, Varsavia e Budapest “non possono invocare né le loro responsabilità in materia di mantenimento dell’ordine pubblico e di salvaguardia della sicurezza interna né il presunto malfunzionamento del meccanismo di ricollocazione” per sottrarsi all’esecuzione dello stesso.  adnkronos

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a ImolaOggi
Armando Manocchia risponde
ai professionisti della mistificazione


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -