Mes, Conte: “non ricordo le parole della Merkel”

Intervistatore della tv tedesca ARD: “È vero che, nell’ultimo Consiglio Ue, Merkel le ha detto: “Alla fine faremo uso del Mes, non essere così critico. Se aspetti i coronabond potrebbero non arrivare mai. È vero?” Conte abbassa lo sguardo (tipico di chi mente) e dice: “Non ricordo le parole esatte”

(ansa) Il premier italiano Giuseppe Conte entra nelle case dei tedeschi per spiegare il suopunto di vista sulla necessità di un’azione comune da parte dell’Unione europea per gestire l’emergenza sanitaria ed economica legata alla pandemia di coronavirus. Lo fa con un’intervista alla tv tedesca Ard.

“Io e la Merkel abbiamo espresso due visioni diverse durante la nostra discussione. Ne approfitto e lo dico a tutti cittadini tedeschi: noi non stiamo scrivendo una pagina di un manuale di economia, stiamo scrivendo una pagina di un libro di storia”.

“E’ un’ emergenza della quale non è responsabile nessun singolo Paese, non si tratta di tensioni finanziarie. L’Ue come risponde? L’Ue compete con la Cina, con gli Usa che hanno stanziato 2mila miliardi per reagire, in Ue cosa vogliamo fare? Ogni Stato membro vuole andare per conto suo? Se la reazione non sarà coesa, vigorosa, coordinata, l’Europa diventerà sempre meno competitiva nello spazio globale di mercato”.

Condividi