Lombardia blindata, non si entra e non si esce più

La situazione del Coronavirus è vicina a un punto di svolta. Il sistema sanitario lombardo è prossimo al collasso. E – con incomprensibili e colpevoli ritardi – la Protezione Civile si sta rendendo disponibile a trasferire alcuni pazienti dagli ospedali lombardi. Il governo nella notte dovrebbe approvare un decreto che blinderà l’intera Lombardia e alcuni parti di Veneto, Emilia e Piemonte.

Ci si potrà muovere solo per motivi gravi. Anche i negozi saranno chiusi, se non potranno garantire la distanza minima di un metro tra cliente e cliente. Regione Lombardia ha chiesto limitazioni severissime al trasporto pubblico, che a questo punto dovrebbe scattare. Lo smartworking sarà praticamente obbligatorio, poiché le riunioni non si potranno tenere. A preoccupare il Governo – adesso, dopo i mille appelli e i litigi che opposero Fontana a Conte – è il tasso di crescita del virus, che potrebbe toccare livelli inimmaginabili a molto breve.

fabio.massa@affaritaliani.it

Condividi